Le collaborazioni non sono spettacoli personali o un teatro per ambiziosi. Sono una relazione reciprocamente vantaggiosa e ben definita di due o più persone o team per raggiungere obiettivi comuni.

Più spesso in questi giorni, gli sforzi di collaborazione richiedono nuovi team con diversi set di abilità per raggiungere un obiettivo specifico. Riunendosi per la prima volta, non avranno familiarità con la loro personalità e il loro livello di esperienza. Potrebbe essere necessario del tempo per risolvere i problemi iniziali di dentizione. Quindi, quali sono i principali ostacoli alla collaborazione?

1.Lack of buy-in

Ciò accade quando i membri del nuovo team ritengono che il progetto su cui stanno lavorando sia di scarso beneficio per loro. Alcuni possono anche sentirsi superiori ad altri team, difficilmente propizi a promuovere relazioni e spirito di squadra.

Un atteggiamento "cosa c'è dentro per noi" può infettare l'ambiente e ne deriveranno disinteresse e demotivazione, che influenzeranno il lavoro in corso sul progetto e devieranno dagli obiettivi principali. Un team può anche temere che un altro possa trarre maggiori benefici dallo sforzo collaborativo o avere più potere decisionale.

Soluzione: La posa delle basi inizia in quel primo incontro in cui vengono delineati gli obiettivi e impostati i parametri per una vera collaborazione. Spiega perché tutti devono lavorare insieme per il bene comune e che il successo non sarà misurato da quanto sono bravi i team, ma dal risultato della collaborazione.

2. Absence of trust

La fiducia è uno degli elementi costitutivi dei team ad alte prestazioni e vera collaborazione. Senza di essa c'è un'assenza di rispetto nel lavoro reciproco e una disfunzione che erode la fiducia e lavora contro la vera collaborazione. La sfiducia divora il cuore di qualsiasi team o collaborazione, erodendo la fiducia, ritardando le attività, innescando tensione e inibendo il flusso di lavoro e le idee.

Soluzione: Crea fiducia sin dall'inizio di una collaborazione. I facilitatori dovrebbero incoraggiare le persone a esprimere la loro opinione e incoraggiarle anche ad ascoltare. Garantire a tutti il tempo e lo spazio per esprimere le proprie opinioni favorirà la collaborazione.

3. Pensiero di gruppo

A volte la collaborazione diventa l'abitudine del pensiero di gruppo, dove c'è un'accettazione dell'idea prevalente e poca o nessuna discussione sugli altri. Come dice Lisa Quast in 7 Passi per prevenire decisioni disastrose, l'accordo non è sempre una buona cosa.

Soluzione: Assicurati fin dall'inizio che tutti siano chiari su cosa implica la collaborazione e quanto sia importante ogni punto di vista. Poiché i team provengono da altre parti dell'organizzazione, possono avere nuove idee su aree al di fuori del loro ambito abituale, quindi è fondamentale che tutte le voci siano ascoltate.

4. Scarse relazioni

Le relazioni scadenti possono verificarsi quando i team si considerano rivali, concorrenti piuttosto che collaboratori o rimangono poco ricettivi alle idee degli altri. Quando i team lavorano insieme per la prima volta, non avranno familiarità con le personalità e con ciò che portano. Potrebbe essere necessario del tempo per risolvere i problemi iniziali di dentizione. Il mancato riconoscimento e la loro risoluzione impedirà la collaborazione, causerà attriti e ritarderà i risultati. La costruzione di buone relazioni garantisce flussi di creatività e collaborazione. La sua assenza attenuerà la dinamica che stai cercando di creare.

Soluzione: Le relazioni scadenti possono essere evitate all'inizio tenendo un primo incontro presentandosi a vicenda, in modo che tutti possano imparare un po 'l'uno dell'altro e cosa portano alla collaborazione. Anche le riunioni individuali sono utili poiché il progetto continua a garantire che tutti siano nel messaggio.

5.Not enough conversations

Identificato dagli scrittori di Team impegnati: tre passaggi per passione e prestazioni come l'unico più importante impedimento alla collaborazione. Se le persone hanno paura di parlare e non possono esprimere le loro idee o opinioni, allora si disimpegnano. Possono vedere problemi o potenziali insidie nelle proposte o nei processi; possono anche avere ottimi suggerimenti. Tuttavia, si sentono scoraggiati dal dire qualcosa. Potrebbero anche esserci problemi che devono essere affrontati, come un comportamento scadente o ostruttivo.

Soluzione: È bello parlare. Nella riunione iniziale per avviare la collaborazione, si dovrebbero gettare le basi. Spiega perché è importante che tutte le voci siano ascoltate e crea un clima in cui le conversazioni faccia a faccia possono aiutare i membri del team e rimuovere ogni potenziale barriera alla collaborazione. Le conversazioni aiutano il processo.

Porta via

La vera collaborazione funziona quando tutti lavorano insieme, mettendo da parte acrimonia o gelosie e cercando un risultato positivo. Affronta i problemi e concentrati sul risultato.